Qui sotto trovi

Logo senza glutine Logo senza lattosio Logo gruppo sanguigno 0 Logo gruppo sanguigno A

Ora che le giornate iniziano ad accorciarsi e a rinfrescare fa piacere accendere il forno per preparare una merenda golosa, oggi preparerò la crostata di amaranto al cioccolato.

Per ora non ho ancora trovato una persona a cui non piaccia la crostata al cioccolato.

Ho voluto decorarla con tanti piccoli fiorellini creando una specie di scacchiera, tu puoi spaziare con la fantasia per decorarla come più ti piace, oppure facendo le classiche strisce ad incrocio.

Per la farcitura invece ho utilizzato la mia “nutella” di mandorle che è l’ideale per farcire una crostata. Anche in questo caso puoi cambiare il ripieno con della marmellata o crema pasticcera.

L’amaranto lo trovo adatto per la realizzazione delle crostate e dei biscotti, e poi, rispetto alla quinoa, ha un sapore molto piacevole, quasi nocciolato, chiunque fa fatica a capire se è una ricetta con glutine o meno.

Oltre tutto l’amaranto, pur non essendo un cereale, ha molte proprietà benefiche di questa categoria di alimenti, anzi ha anche più proteine dei cereali. Ma è completamente privo di glutine, quindi adatto anche a chi soffre di celiachia.
E’ anche ricco di fibre, molto importanti per la salute della flora batterica intestinale, quindi facilmente digeribile. Per cui i nutrizionisti lo consigliano a tutte le fasce d’età, sia alle persone anziane, che ai bambini piccoli.

Cucina Con Cinzia la tua crostata di amaranto al cioccolato!

CROSTATA DI AMARANTO AL CIOCCOLATO

Preparazione: 30 minuti
Cottura: 30 minuti
Tempo totale: 1 ora
Porzioni: 8 persone
Chef: Cinzia
Stampa

Ingredienti

  • 100 gr farina di mandorle
  • 200 gr farina di amaranto
  • 80 gr zucchero
  • 1 uovo freddo da frigo
  • 1 tuorlo freddo da frigo
  • 1 scorza di limone
  • 50 gr burro vegetale freddo da frigo

Per la crema di mandorle:

  • 100 gr mandorle
  • 60 gr zucchero
  • 100 gr latte di mandorle o soia
  • 100 gr cioccolato fondente
  • 50 gr olio vinacciolo.

Istruzioni

PASTA FROLLA CON IL BIMBY

  1. Versa lo zucchero e la buccia del limone nel boccale e avvia a vel 10 per 10 sec.
  2. Aggiungi il burro a cubetti (o l’olio), le farine setacciate, il tuorlo e l’uovo intero. Fai girare il tutto a velocità 4,5 per 25-30 secondi.
  3. Otterrai un composto sbricioloso. Rovescialo su di una spianatoia appena infarinata e impasta fino ad ottenere una palla liscia e compatta.

PASTA FROLLA CON IL MIXER

  1. Per preparare la pasta frolla con il mixer comincia versando la farina insieme al burro freddo ridotto a pezzetti (o l’olio).
  2. Aziona le lame a più riprese fino ad ottenere un composto sabbioso. Utilizza il mixer ad intermittenza in modo che l'impasto non si scaldi eccessivamente.
  3. Spegni le lame e unisci lo zucchero a velo insieme al tuorlo e alle uova leggermente sbattute insieme e poi grattugia la scorza di un limone non trattato.
  4. Aziona nuovamente il robot per pochi istanti, stavolta abbassando la velocità così le lame misceleranno l’impasto senza frullare.
  5. Non appena il composto si sarà amalgamato trasferiscilo sul piano di lavoro.
  6. Compatta velocemente con le mani, giusto il tempo di ottenere un panetto liscio ed omogeneo.

PASTA FROLLA A MANO

  1. Disponi la farina a fontana su un piano di lavoro, io uso una tavola di legno bella grande.
  2. Fai un piccolo buco nel centro e mettici dentro lo zucchero, le uova, la scorza grattugiata del limone ed infine il burro vegetale o l’olio.
  3. Facendo attenzione a non far uscire gli ingredienti dal piano, con le punte della dita lavora il tutto velocemente fino ad ottenere un impasto omogeneo.
  4. Avvolgi il panetto nella pellicola trasparente e mettilo in frigo a rassodare per almeno mezz'ora.

CREMA DI MANDORLE

  1. Per prima cosa metti a tostare le mandorle in una padella antiaderente, metti sul fuoco e lascia tostare a fuoco medio per circa 4-5 minuti. E’ necessario scuotere la padella ogni tanto per evitare che le mandorle si brucino.

CON IL BIMBY

  1. Inserisci nel boccale le mandorle tostate e lo zucchero e trita per 20 secondi a velocità 10.
  2. Unisci il cioccolato fondente e trita ancora per 20 secondi a velocità 8.
  3. Aggiungi il latte di mandorle e l’olio e cuoci per 6 minuti a 50° a velocità 3.

SENZA IL BIMBY

  1. Metti in un mixer lo zucchero fino ad ottenere una polvere finissima (in alternativa utilizza lo zucchero a velo vanigliato).
  2. Togli lo zucchero dal mixer e frulla le mandorle, fino ad ottenere una consistenza molto fine.
  3. A questo punto aggiungi lo zucchero e prosegui a frullare per altri 5 minuti.
  4. Aggiungi uno alla volta gli altri ingredienti, cioccolato, latte e olio, frullando ognuno per qualche secondo prima di aggiungere gli altri, fino ad ottenere una crema omogenea.
  5. Versa in una pentola il composto di mandorle e mescola con un cucchiaio di legno, facendo cuocere a fuoco lento per qualche minuto.

COMPOSIZIONE CROSTATA

  1. Prendi la pasta frolla dal frigo, stendi il panetto su di una spianatoia tra due fogli di carta forno. La frolla non deve essere troppo sottile, circa ½ cm.
  2. Appoggia la tortiera sopra la sfoglia e, con l’aiuto di un coltellino, ritaglia un cerchio di pasta frolla che, con tutta la carta forno, andrai ad appoggiare dentro la tortiera.
  3. Bucherella con una forchetta tutto il fondo. Io me ne sono dimenticata, questo serve a non far creare bolle alla crostata, per fortuna mi è andata bene, nessuna bolla.
  4. Aggiungi la crema di mandorle sul fondo della crostata.
  5. Con la pasta frolla avanzata io ho creato dei fiori con delle formine, ma tu puoi cambiare il soggetto o ricavare le strisce nella maniera classica.
  6. Metti la crostata in forno già caldo a 180° per 30 minuti.
  7. Una volta cotta lasciala intiepidire e toglila delicatamente dalla tortiera.
  8. Consumala solo quando è completamente raffreddata. Se ti piace puoi anche spolverare con zucchero a velo.

Note

I CONSIGLI DI CINZIA: La crostata di amaranto al cioccolato si conserva sotto la campana per tre o quattro giorni. Volendo puoi anche congelarla a fette monoporzione.

Cucina con Cinzia e condividi le tue foto utilizzando l’hashtag #cucinaconcinzia

Comments

comments