Qui sotto trovi

Logo senza glutine Logo senza lattosio Logo gruppo sanguigno 0 Logo gruppo sanguigno A Logo gruppo sanguigno B Logo gruppo sanguigno AB

Quando preparo il risotto allo zafferano in casa si sprigiona un profumo fantastico, lo zafferano.

Una spezia che adopero spesso anche in altre ricette, ma metterla nel risotto per dargli quel color giallo sole del risotto allo zafferano, o risotto alla milanese, è proprio un classico della cucina italiana.

Lo zafferano è, tra l’altro, la spezia che costa di più tra tutte. La polvere d’oro la chiamo io. C’è una spiegazione naturalmente a questo: per raccoglierne pochi grammi servono tantissime ore di lavoro e la pianta che lo produce fiorisce solo per 20 giorni all’anno.

Colore rosso, gusto deciso, aroma intenso… ma lo zafferano non serve solo in cucina, ma anche nella cura e nella prevenzione di diverse patologie, ottimo come antidepressivo, nelle forme lievi di depressione, e come aiuto a controllare gli sbalzi d’umore nel periodo premestruale.

Il riso, si sa, è un cereale ma non contiene glutine, quindi adatto anche ai celiaci ed intolleranti. In ogni caso è meglio non esagerare con il consumo in quanto potrebbe aumentare la glicemia, il colesterolo e l’ipertensione, per non parlare del peso corporeo, a cui tutti teniamo a mantenerlo in perfetta forma. Non è che ora non mangerai più riso?? Nooo, anche perchè consumarlo nella norma non dà nessun problema.

Quando capita che a pranzo lo preparo ne faccio sempre un po di più per utilizzarlo poi per dei buonissimi supplì il giorno dopo.
Di solito lo abbino sempre ad un secondo di carne come gli ossobuchi di tacchino con funghi porcini. Il mio compagno adora mettere nello stesso piatto riso e carne, ed assaporarli insieme.

Cucina Con Cinzia il tuo risotto allo zafferano!

Risotto allo zafferano

RISOTTO ALLO ZAFFERANO

Preparazione: 5 minuti
Cottura: 18 minuti
Tempo totale: 23 minuti
Porzioni: 4 persone
Chef: Cinzia


Stampa

Ingredienti

  • 350 gr riso carnaroli
  • 30 gr olio di vinaccioli
  • 1 scalogno o 1 piccola cipolla
  • 800 ml brodo vegetale o acqua + dado vegetale
  • 1 bustina zafferano
  • qb sale fine

Istruzioni

Preparazione con il bimby:

  1. Metti nel boccale la cipolla o lo scalogno e trita per 5 secondi a velocità 7.
  2. Riunisci sul fondo con l'aiuto della spatola e aggiungi l’olio, cuoci per 3 min. 100° vel. 1.
  3. Unisci il riso e fallo tostare per 2 min. 100° Antiorario vel. 1.
  4. Aggiungi 750 ml di brodo caldo e cuoci per 14 min. 100° Antiorario vel. 1.
  5. A due minuti dalla fine della cottura unisci lo zafferano sciolto nei 50 ml di brodo tenuti da parte.
  6. Controllare la cottura del riso. Lascia riposare qualche minuto nel boccale spento.

Preparazione senza bimby:

  1. Monda e trita finemente la cipolla in modo che si possa sciogliere in cottura e non essere percepita mentre si assaporerà il risotto.
  2. In un tegame ampio versate l’olio con qualche cucchiaio di brodo, quindi aggiungi il trito di cipolla e lascia stufare per 10-15 minuti, la cipolla dovrà risultare ben trasparente e morbida.
  3. Una volta stufata la cipolla, versa il riso e tostalo per 3-4 minuti.
  4. A questo punto procedi con la cottura per circa 18-20 minuti, aggiungendo il brodo un mestolo alla volta, al bisogno, man mano che verrà assorbito dal riso, i chicchi dovranno essere sempre coperti. Tieni da parte un mestolo di brodo.
  5. Cinque minuti prima del termine di cottura, versa un mestolino di brodo con lo zafferano, mescola bene per insaporire e tingere il risotto di un bel color oro. Terminata la cottura spegni il fuoco, aggiusta di sale e lascia riposare qualche minuto nella pentola con il coperchio.
  6. Il tuo risotto allo zafferano è pronto, servilo ben caldo guarnendo, se vuoi, con qualche fogliolina di prezzemolo.
  7. Buonissimo servito insieme agli ossobuchi con i funghi.

Note

Consiglio di Cinzia: conserva il risotto allo zafferano, chiuso in un contenitore ermetico e posto in frigorifero, per due giorni al massimo. Il giorno dopo se vuoi puoi preparare dei fantastici supplì.

Cucina con Cinzia e condividi le tue foto utilizzando l’hashtag #cucinaconcinzia

Comments

comments