Qui sotto trovi

Logo senza glutine Logo senza lattosio Logo gruppo sanguigno 0 Logo gruppo sanguigno A Logo gruppo sanguigno B Logo gruppo sanguigno AB

Per la festa del papà è tradizione fare le Zeppole, ma io in verità non le ho mai fatte, ne le zeppole, ne le pasta choux. Ma oggi non lavoro, non ho impegni ed ho tutto il tempo, quale giorno migliore per sperimentare un dolce mai fatto?? Prepariamo le Zeppole di San Giuseppe al forno senza glutine.

Intanto ho iniziato a girare tutti i siti possibili in cui ci fosse la ricetta delle Zeppole. Devo dire che ne esistono diverse varianti, sia nel procedimento, negli ingredienti che nella forma.

Oltre tutto io devo “trasformare” qualsiasi ricetta in un prodotto senza glutine. Nella mia ricerca spero sempre di imbattermi in un blog che metta ricette vere, provate, che funzionino e non che ti lascino con una pappetta ingestibile in mano. Naturalmente questo mi è già capitato, poi mi sono comunque aggiustata ed ho ottenuto, più o meno, quello che volevo (a volte in questo modo ho pure creato ricette nuove e speciali).

Le più tradizionali sono sicuramente quelle fritte ma io preferisco la versione cotta in forno, come quella che ti propongo oggi. Il risultato sarà più leggero ed il gusto più delicato, oltre tutto le Zeppole di San Giuseppe al forno avranno comunque una ricca farcitura a base di crema pasticcera.

Mi sembra di aver trovato la ricetta adatta….così inizio con le mie conversioni, la farina 00 diventa farina di quinoa, che userò al 50% con farina di mandorle. Questo per attenuare il gusto della quinoa, che io adoro, ma la mia famiglia, e soprattutto il mio compagno no. Al posto del latte vaccino, uso latte di mandorle e al posto del burro, olio di vinacciolo (volendo si potrebbe usare burro vegetale)…e direi che sono a posto.

Vieni a cucinare con me.

Cucina Con Cinzia le tue zeppole di san giuseppe al forno senza glutine!

 

zeppole di San Giuseppe senza glutine

ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE AL FORNO SENZA GLUTINE

Preparazione: 30 minuti
Cottura: 35 minuti
Tempo totale: 1 ora 5 minuti
Porzioni: 8 zeppole
Chef: Cinzia


Stampa

Ingredienti

  • 180 ml acqua
  • 45 gr burro vegetale o 36gr olio vinacciolo
  • 1 cucchiaio zucchero facoltativo
  • 1 pizzico sale
  • 70 gr farina di quinoa
  • 60 gr farina di mandorle
  • 3 uova
  • 1 scorza limone

Ingredienti crema pasticcera:

  • 3 tuorli
  • 70 gr zucchero
  • 40 gr farina di mandorle
  • 250 ml latte di mandorle
  • 1 buccia limone
  • qb zucchero a velo per guarnire

Istruzioni

Iniziamo con la crema pasticcera.

Con il bimby:

  1. Polverizza lo zucchero e la buccia di limone 20 sec a vel. turbo
  2. Unisci quindi i tuorli, il latte, la farina di quinoa e cuoci a 80° per 7 min., vel. 4.

Senza bimby:

  1. In un pentolino metti a bollire il latte, con la scorza del limone grattugiata.
  2. Intanto separa gli albumi dai tuorli e versa questi ultimi e lo zucchero in un’altra pentola, sbatti il tutto con una frusta fino ad ottenere un composto spumoso e biancastro.
  3. Unisci la farina setacciata e sbatti di nuovo con la frusta per ottenere un composto uniforme.
  4. Non appena il latte bolle versalo a filo sul composto di uova poco per volta, mescolando continuamente per non far creare grumi. Metti il tegame sul fuoco a fiamma bassissima sempre mescolando, finchè non si sarà addensata.
  5. Quindi metti la crema ottenuta in una ciotola di vetro, copri con della pellicola trasparente e lascia raffreddare.

Prepara ora la pasta choux.

Con il bimby:

  1. Trita insieme 1 cucchiaio di zucchero e la buccia di limone per 30 sec. a vel. Turbo.
  2. Aggiungi acqua, sale e olio nel boccale e lavora a 100° per 10 min., vel. 2.
  3. Infine unisci le farine e lavora per 30 sec. a vel.5.
  4. Lascia intiepidire il composto per 10 min., lavorandolo per 20 sec. a vel. 4 ogni 2 min. circa.
  5. Aziona quindi a vel. 4 e aggiungi le uova una per volta. Questo passaggio è molto importante, aspetta che sia ben incorporato un uovo prima di aggiungerne un’altro.
  6. Una volta assorbite bene tutte le uova, lavora ancora per 30 sec. a vel. 6.

Senza bimby:

  1. Metti un tegame sul fuoco a fiamma bassa con l'acqua, un pizzico di sale e il burro (o l’olio), quindi lascialo cuocere a fiamma moderata.
  2. Quando l’acqua sarà abbastanza calda e sfiorerà il bollore, togli il tegame dal fuoco e aggiungi la farina setacciata a pioggia in una volta sola e mescola con una frusta a mano fino a quando sarà omogeneo. Ora rimetti sul fuoco e continua e cuocete la pasta mescolando con un cucchiaio di legno fin quando l'impasto non si stacca dalle pareti della pentola.

  3. Togli dal fuoco, lascia raffreddare per una decina di minuti poi unisci le uova una alla volta, e mescola con un mestolo di legno fino a che non saranno ben amalgamate prima di aggiungere quelle successive. Continua ad aggiungere le uova lentamente fino ad ottenere un composto liscio e denso.
  4. A questo punto metti la pasta in una sac à poche con la bocchetta stellata e forma le tue zeppole, sopra una leccarda foderata con carta forno. Per ciascuna zeppola dovrai fare due o più giri, uno sopra all'altro in modo da creare un cerchio del diametro di circa 10 cm.
  5. Cuoci le zeppole per 35 minuti a 180° (controlla che abbiamo un bel colore brunato, se sono pallide lasciale ancora qualche minuto).

  6. Una volta pronte, spegni il forno, apri un poco lo sportello e lasciale raffreddare.

Assembla quindi le zeppole di San Giuseppe.

  1. Taglia le zeppole in due, metti la crema pasticcera in una sac à poche pulita, farcisci ogni zeppola, quindi sistemale su un piatto da portata, spremi al centro di ogni zeppola un ciuffo di crema. A questo punto, mettile in frigo e solo al momento di servirle spolverizza con zucchero a velo.

Note

Consiglio di Cinzia: Le Zeppole di San Giuseppe non farcite si possono conservare fino a 1 settimana chiuse in una scatola di latta. Una volta farcite ti consiglio di conservarle in frigorifero e di consumarle entro un paio di giorni al massimo.

Per le Zeppole di San Giuseppe al forno senza glutine ho utilizzato i seguenti prodotti e utensili:

Cucina con Cinzia e condividi le tue foto utilizzando l’hashtag #cucinaconcinzia

Comments

comments